"Il libro soffre il digitale. Ma si può ripartire"