Storia di Ernesto il fuco maldestro

Emanuela e Sandro Gottardi


Storia di Ernesto il fuco maldestro
testi di Sandro Gottardi
illustrazioni di Emanuela Gottardi
patchwork realizzati in stoffa e altri materiali dal Laboratorio “Il tempo buono”
(Emanuela e Silvia Gottardi, Giulia Fedrizzi)
coordinamento editoriale Adriana Gottardi



pagine 40 illustrato
confezione brossura
formato 295x240 mm
euro 16,00 iva inclusa
prima edizione luglio 2015
collana laboratorio “il tempo buono” 2


Nell’alveare vivono tre tipi di api: c’è una regina, madre di tutte le altre api, il cui compito principale è quello di deporre le uova.
Ci sono poi le api operaie, tutte femmine, che svolgono i lavori necessari per la vita della famiglia.
Infine ci sono i fuchi, maschietti di casa, che hanno un unico scopo: nel “volo nuziale” il più forte di loro deve “fidanzarsi” con la nuova regina permettendole così di poter deporre uova fecondate per tutta la sua vita.
Per il resto i fuchi vivono da veri e propri fannulloni facendosi perfino nutrire dalle api operaie e prima dell’inverno vengono allontanati a forza dall’alveare.
Questa nuova storia parla di Ernesto, un fuco un po’ maldestro che alla fine farà vedere a tutti quanto vale.